Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/vincenzopandico/public_html/wp-content/themes/jupiter/framework/includes/minify/src/Minifier.php on line 227
Come gli sviluppatori possono aiutare i designer > Vincenzo Pandico

#webdesign

Come gli sviluppatori possono aiutare i designer

Come sviluppatori che lavorano con i designer, è nostro compito far sì che la cooperazione sia il più agevole e facile possibile.

Le specifiche

Sapere cosa si vuole

La parte più difficile di un lavoro è immaginare il risultato che si vuole ottenere. Non si può solo chiedere al designer di “fare qualcosa”. Lo farà, ma potrebbe non essere l’obiettivo che si cerca di raggiungere. Per questo motivo non dovremmo mai accettare requisiti troppo vaghi per lo sviluppo di un prodotto web. Condizione necessaria per una buona cooperazione.

Gli esempi sono utili

Se non si dispone di una chiara idea in testa, di come dovrà risultare ciò che vogliamo realizzare, sicuramente almeno avremo dei riferimenti e delle preferenze. È utile creare nel tempo una raccolta di elementi, soluzioni, esempi di cose che ci piacciono e sono funzionali. Per ognuno di questi scrivere degli appunti per capire al meglio a quali aspetti funzionali rispondono e perché funzionano bene. Il processo di selezionare e mettere assieme queste preferenze aiuta a chiarire la visione di cosa si vuole raggiungere e attuare soluzioni motivandone le scelte.

Fidatevi del vostro designer

Una persona saggia utilizza i talenti degli altri, invece di cercare di cavarsela da solo. Dobbiamo fidarci delle competenze e l’esperienza del designer con cui collaboriamo. In questo modo lasciamo al designer la tranquillità e la flessibilità necessaria per contribuire attraverso le sue idee alla realizzazione del progetto.

Probabilmente avete assunto un designer perché non siete dei grandi designer voi stessi. Se siete come la maggior parte degli sviluppatori, è molto probabile che siate privi di capacità significative nelle arti visive. Questo è assolutamente normale di solito. Ma io credo che ogni figura professionale debba sempre inoltrarsi un po’ anche nell’area lavorativa delle persone con cui si collabora. Almeno quanto basta per rendere fluida la comunicazione e il processo di creazione.

Uno sketch ha la sua importanza

Anche se non avete grandi doti visive, creare una sketch di quello che si vuole realizzare è spesso molto, molto più utile di una descrizione – non importa quanta precisa. Non abbiate paura a scarabocchiare qualcosa su un quaderno. È utile per chiarirsi le idee, può essere eccezionalmente utile per assicurarsi che entrambe le parti (sviluppatore e designer) stiano iniziando a lavorare partendo dalla stessa pagina.

Considerare dati di esempio reali

Come sviluppatore, si ha un’idea di che tipo di dati la vostra applicazione gestirà e visualizzerà. Il vostro designer, a meno che diversamente specificato, rischia di utilizzare dati di esempio generici o del testo casuale per scopi di layout. E’ meglio per entrambe le parti utilizzare dati di esempio, significativi e realistici, fin dall’inizio – con particolare attenzione ai casi estremi (più breve possibile, il più lungo possibile, ecc).

Definire i requisiti prima di cominciare l’implementazione

Aggiungere elementi e funzionalità in un secondo momento non solo porterà a costi aggiuntivi, ma saranno anche più difficili da pianificare. Potrebbe avere effetti a catena sul lavoro di progettazione già completato. Come sviluppatore, sono pienamente consapevole dell’enorme costo delle modifiche in fase avanzata – lo stesso vale per il ruolo del designer.

Ricordare i vincoli di progettazione

Il designer produrrà il miglior lavoro possibile per rispecchiare le specifiche, quindi è importante che esse siano molto accurate. Dimensioni dello schermo, gli orientamenti, le licenze dei font, i colori di branding, lo spazio disponibile per gli annunci o altri elementi statici non correlati ai contenuti principali, e così via. Pensate attentamente ai vincoli per la progettazione e assicuratevi che voi e il designer siate perfettamente allineati su questo punto.

Essere professionali

Essere reattivi

È a vostro vantaggio finanziario e professionale effettuare valutazioni tempestive quando il designer presenta il lavoro per un feedback o chiede chiarimenti per eventuali punti critici relativi alle funzionalità. Il design non è qualcosa che dovrebbe essere fatto dopo lo sviluppo e neppure durante: idealmente, la fase di definizione delle specifiche è seguita dalla fase di design, che è seguita dalla fase di implementazione – quindi dedicate tempo debito e impegno per lavorare con il designer e rispondere alle sue domande.

Non date per scontato sia facile

La rovina della vita di uno sviluppatore è che i non-sviluppatori suppongono che la programmazione è facile. Per la modifica di una caratteristica o funzionalità, spesso dobbiamo spiegare lo sforzo richiesto e giustificare il costo risultante. Lo stesso vale per la progettazione. Teniamolo in mente di modo da resistere alla tentazione di pensare che un cambiamento sia  facile o rapido semplicemente perché è “solo” visivo.

Misurazione

Il designer è un professionista, e la sua disciplina non si misura con gli stessi parametri che spesso irritano gli sviluppatori (righe di codice al giorno, bug risolti, ecc). I designer devono avere il tempo di sviluppare idee, sperimentare approcci, o fare un passo indietro da un problema per un po’ di tempo per ottenere nuova prospettiva.

Il progresso del lavoro di un designer non è così facilmente misurabile come con la programmazione. Attendete che il processo creativo si sviluppi, lasciate che il designer presenti e motivi il risultato raggiunto.

Utilizzare gli stessi strumenti

Ove possibile, usate gli stessi strumenti del designer – almeno nella misura da evitare inutili disagi su entrambi i lati. Per uno sviluppatore professionista, una copia di Photoshop e Sketch è il minimo indispensabile.

Parlare la stessa lingua

Se avete bisogno dei colori in formato esadecimale per i CSS, o in RGB, fate queste conversioni da soli, senza complicare inutilmente la vita del designer attraverso richieste che fanno solo perdere tempo.

Consentire l’uso per il portfolio personale

Se il designer è particolarmente orgoglioso del loro lavoro svolto con voi, ti chiederà di poterlo presentare nel portfolio personale. Acconsentite. È la cosa giusta e sensata da fare. Può avere un ritorno commerciale per entrambi. Si rafforza anche la collaborazione reciproca, che sarà utile quando si presenta ad uno dei due la prospettiva di un nuovo lavoro.

Questioni d’affari

Comprendere il modello

Comunemente, riceverete dal designer un output derivante dalle specifiche e avrete diritto ad uno o più giri di modifiche o perfezionamenti. In base a come vi sarete accordati. Eventuali ulteriori modifiche, cambiamenti, specifiche aggiuntive, dovranno sostenere costi aggiuntivi. Questo è un sistema del tutto normale, ragionevole ed equo.

Se volete compensare l’incertezza di un costo supplementare per le modifiche di progettazione, ancora una volta il modo migliore è avere ben chiaro all’inizio l’obiettivo e i requisiti definiti.

Il codice sorgente è il tuo prodotto

Nella maggior parte dei casi, la “produzione” del lavoro di sviluppo è il codice sorgente per l’applicazione o sito web; il prodotto e il funzionamento interno sono la stessa cosa. Così, nella maggior parte dei casi (anche se non tutti) per contratto di sviluppo / programmazione, quello che stai vendendo è il codice sorgente.

Pensieri finali

Il design e lo sviluppo sono due metà inseparabili del processo di creazione di servizi web, applicazioni e siti di qualità. Professionisti di entrambe le parti dovrebbero sempre cercare di lavorare insieme nel modo più efficace e rispettoso possibile.